• sabato , 21 luglio 2018

Borse in pelle: come non lasciarsi ingannare dalle imitazioni

come riconoscere le forse in vera pelleLe borse, sono tra gli accessori più amati e ormai non solo dalle donne;  in particolare le borse in pelle, sono quelle più ricercate e quelle per cui si è disposti a spendere di più, specie se il prodotto è lavorato artigianalmente. Resistere all’intramontabile fascino di una borsa trattata interamente a mano è difficile anche per i non appassionati.

In questo settore, il made in Italy può senza dubbio vantare una qualità e un’arte entrambe inimitabili, frutto di secoli di storia e tradizione.  Nonostante ciò, i tentativi di imitazione ormai non si contano più, e i negozi che provano a vendere borse in finta pelle spacciandola per vera sono numerosi.

Eccovi dunque alcuni preziosi consigli per evitare di cadere in un acquisto deludente.

Certamente la prima cosa che caratterizza una borsa in pelle, artigianale o meno che sia, è l’odore.

La pelle infatti non è mai inodore, anzi, il profumo che sprigiona è piuttosto intenso e penetrante , e anche se può non piacere, è una peculiarità che garantisce l’autenticità del prodotto che avete davanti.  Superato il test olfattivo, un altro ‘test’ utile è quello del ‘’tatto’’. La vera pelle è morbida e tende a cedere sotto la pressione delle dita per poi ritornare alla sua forma iniziale, caratteristica che difficilmente si può riprodurre con materiali sintetici, e quasi impossibile da replicare con la plastica che resta rigida.

Le borse in pelle inoltre, specie se fatte a mano, sono tutti pezzi unici, e anche modelli apparentemente identici differiscono tra loro. Questo perché la pelle, essendo un tessuto naturale, non potrà mai essere perfettamente omogenea ; spesso infatti, comprando un articolo in pelle si possono notare irregolarità o piccole differenze anche nella tonalità del colore: non sono difetti del prodotto ma caratteristiche che ne certificano la genuinità e la lavorazione completamente artigianale senza l’utilizzo di macchinari per la produzione in serie.

Un altro importante accorgimento da tenere ben presente prima di effettuare il nostro acquisto, è guardare attentamente l’interno della borsa e non soffermarci semplicemente sull’esterno: La vera pelle ha un fronte e un retro, mentre in quella finta il lato interno viene sostituito con un tessuto molto simile ad una specie di ‘retina’.

Dopo aver prestato attenzione a tutti questi dettagli, la garanzia ufficiale è quella che chiaramente può darci l’etichetta.

Quest’ultima dovrà riportare le seguenti diciture:

  • Vera pelle,( scritta o  incisa direttamente su un pezzetto di materiale con cui è stato realizzato il prodotto );
  • Made in Italy, ma solo ed esclusivamente se almeno due delle fasi principali della lavorazione sono state eseguite in Italia rispettando dunque le relative norme di qualità previste dalla legge.

Le borse artigianali ritenute in assoluto le più pregiate, sono quelle che riportano sull’etichetta  la dicitura ‘’pelle pieno fiore’’ che si applica sui prodotti confezionati con pellami non trattati e la cui grana è rimasta quindi quella originale.

Ad ogni modo, il vero esame di qualità è quello dato dal tempo.  Le borse in pelle lavorate artigianalmente infatti, sono come un buon vino: migliorano con il passare degli anni.

Related Posts