• giovedì , 17 ottobre 2019

Planimetrie catastali e variazioni catastali Roma

Gli elementi che contraddistinguano un immobile
Le planimetrie catastali e la variazioni catastali Roma

Per identificare una casa, un’abitazione, un negozio, garage o un capannone, sono necessari degli elementi distintivi, una sorta di carta d’identità che ci permette di poter riscontrare che un appartamento sia di proprietà di un soggetto, con una particolare superficie e suddiviso in modo caratteristico. Le planimetrie catastali e le variazioni catastali Roma sono realtà fondamentali per la definizione di un immobile.

Ma cosa sono le planimetrie catastali? E quando sarà necessario effettuare delle variazioni catastali Roma? In questo articolo andremo a considerare i singoli aspetti.

  1. Cos’è la planimetria catastale
    L’importanza della conformità e l’obbligo delle variazioni catastali Roma
    La planimetria catastale è un disegno tecnico nel quale viene rappresentato un immobile e in cui si specificano tutti gli elementi che lo caratterizzano. È composta quindi da una pianta della casa o del negozio che può essere in scala 1:100 o 1:200, con indicato un numero di registro, con riferimento al catasto di Roma e le principali informazioni, dall’altezza dei soffitti alla lunghezza delle pareti, ai di bagni o pianerottoli. Inoltre saranno presenti all’interno della piantina anche eventuali pertinenze, come garage, terrazzi e giardini. La conformità tra il disegno e il reale stato dei luoghi deve essere esatta, per evitare che vi siano incongruenze e come tali la necessità di effettuare delle variazioni catastali Roma.
  2. Come verificare la piantina catastale
    Perché è importante la conformità?
    Per verificare la specularità tra la piantina catastale e il reale stato dei luoghi, è importante chiedere l’aiuto di un tecnico specializzato come un geometra iscritto regolarmente all’Albo, il quale faccia richiesta o direttamente on-line oppure presso gli Uffici Provinciali dell’Agenzia delle Entrate di Roma. Per effettuarla sarà necessario fornire alcuni dati, come la provincia in cui è situato l’immobile, il comune, il foglio catastale e la particella di riferimento. Quasi sempre la domanda necessita di circa pochi giorni per essere consegnata. Una volta ottenuta sarà possibile quindi verificare se vi è congruità oppure sia necessario intervenire con una variazione catastale a Roma. Ma perché è importante la piantina catastale?

    In primo luogo in caso in cui decidete di acquistare un immobile dato che la planimetria catastale permette di verificare se nel corso degli anni vi sono stati cambiamenti riguardante la volumetria del bene che state acquistando.
    Inoltre la piantina catastale diventa fondamentale anche nel coso in cui si decide di vendere l’immobile. Infatti dal 2010 con la legge n 122 è stato sancito che è obbligatorio allegare una piantina conforme a qualunque atto pubblico che faccia riferimento a un’unità immobiliare. Quindi se si decide di effettuare un’operazione su una casa, villa, appartamento, garage negozio o qualunque altra tipologia di luogo, per rendere valido l’atto la sua presenza è necessaria.
    Nel caso in cui vi sia una difformità, diventa fondamentale effettuare delle variazioni catastali Roma.

  3. Come effettuare delle variazioni catastali Roma

    Modificare alcuni aspetti della piantina originale

    La variazione catastale a Roma è quindi un atto attraverso il quale vengono segnalati al catasto dei cambiamenti che riguardano la piantina catastale al fine di aggiornarla oppure di correggerla e renderla quindi perfettamente identica allo stato dei luoghi.

    L’operazione deve avvenire attraverso il programma ufficiale denominato DOCFA che può essere scaricato in modo gratuito presso il sito dell’Agenzia delle Entrate e che permette di intervenire al fine di effettuare la variazione catastale a Roma richiesta. Si consiglia di richiedere sempre la consulenza di un tecnico abilitato come un geometra, dato che l’operazione prevede una serie di interventi tecnici e nozioni specifiche.

    variazioni catastali Roma

  4.  

    Quando è necessario effettuare le variazioni catastali 

    Le situazioni in cui è previsto l’intervento di un tecnico specializzato

    Ma quali sono le situazioni in cui si richiede l’intervento di un geometra al fine di regolarizzare la conformità tra la piantina e lo stato dei luoghi attraverso delle variazioni catastali Roma?

    Di seguito elenchiamo le principali situazioni:

    • correggere una pianta difforme: è uno dei casi più comuni di intervento che necessita della variazione catastale a Roma, e in particolare quando in caso di vendita o acquisto si nota che non sono stati dichiarati alcuni cambiamenti, come può essere la creazione di un altro bagno, lo spostamento di tramezzi e così via.

    • Ristrutturazione con spostamento di tramezzi: una volta conclusa una ristrutturazione come conseguenza di una Cila, Scia o Dia, si avranno 30 giorni di tempo per poter effettuare la variazione catastale a Roma e rendere congruo lo stato dei luoghi.

    • Modifiche alla destinazione d’uso: ogni abitazione ha una specifica destinazione d’uso, che rispecchia la finalità per cui è stato costruito quello spazio. In caso in cui vi sono dei cambiamenti, sarà obbligatorio effettuare una variazione catastale a Roma e adeguare lo spazio in base alle norme edilizie.

    • Ampliamenti delle superfici immobiliari: nel caso in cui si creano nuovi volumi e si modifichino quelli esistenti, oltre ai relativi permessi sarà obbligatorio effettuare la variazione catastale a Roma.

    • Modifica dei dati catastali: inoltre si dovrà chiedere la variazione catastale a Roma anche se vi sono dei cambiamenti per quanto concerne il proprietario dell’immobile.

    • Frazionamento o fusione unità immobiliari: infine è necessaria la variazione catastale a Roma nel caso in cui si effettui un frazionamento delle unità immobiliari, oppure si attua una fusione di due particelle catastali che prima erano separate.

Related Posts